«

»

il mestiere dello storico

[FARE STORIA] Un ascoltatore, Fabrizio, ha suggerito di mettere in podcast dritte e trucchi del mestiere di storico. Ci abbiamo pensato su e abbiamo deciso di provare a lasciare in ogni puntata qualche minuto dedicato al tema “come si fa Storia”.
Non è facile ed è un tentativo. Fateci sapere se vi aggrada. Una sola premessa grande come una casa, o forse di più come una piramide: il mestiere di storico che cercherò di raccontarvi è quello attuale. Ovvio direte voi. Mica tanto. Nel passato si sono succeduti moltissimi modi di guardare e di fare la Storia. Nei prossimi anni altri si affermeranno. Oggi possiamo solo promuovere i metodi e le visioni che in questo momento sono considerati scientificamente accettabili, ma che non è certo lo saranno in futuro.
Il primo affondo è dedicato ai fatti. I fatti storici che… non esistono. Avete capito bene, non si può parlare di fatto storico. Scettici? Fate questo piccolo esperimento e pensate a un fatto storico che pensate incontestabile, una cosa che è veramente successa. Siete pronti? Bene ora provate a raccontarlo.
Da cosa iniziate? La scoperta dell’America ad esempio: cominciamo dalla partenza delle caravelle. E la loro costruzione? E i soldi per finanziare il viaggio? E l’idea di andare verso le Indie da ovest? E la cartografia marittima dell’epoca?
Provate ora a chiuderlo. Rimanendo al nostro grande fatto mettiamo la scritta the end con la morte di Colombo e non col primo, secondo terzo o quarto viaggio? E Cortés lo lasciamo fuori? Amerigo Vespucci e le altre avventurose traversate atlantiche?
In questo contenitore dai confini incerti devo poi saper mettere qualcosa, ma quanti dei migliaia episodi che hanno segnato la scoperta consideriamo veramente attinenti al fatto? L’omino che grida sull’albero maestro «Terrra». L’arrivo sulla spiaggia di San Salvador. Ma perché ho detto San Salvador e non Guanahani come era chiamata dagli indigeni?
Bene, abbiamo imparato che il fatto storico è una realtà talmente ambigua e priva di confini da non poter essere considerata assodata, certa, definita.

[dal minuto 25′ 00” del podcast 23 – i vichinghi: lo sguardo oltre l’orizzonte]